Stampa

TNA Inside #74 - Recensione Bound For Glory X

Scritto da Enrico Delfino. Postato in TNA INSIDE

 

Abbiamo assistito, è triste dirlo, ad un Bound For Glory decisamente deludente.
Purtroppo, le aspettative non erano affatto alte, trattandosi, di fatto, di un PPV svincolato dalla continuity degli show di Impact Wrestling. E questo è grave, per quello che dovrebbe essere il PPV più importante dell'anno.
Ne abbiamo già parlato a lungo, quindi passiamo all'analisi dei match della card.

MINORU TANAKA BATTE MANIK
Opener decisamente godibile, divertente, con ritmi molto veloci e spot interessanti. Nulla di eccelso, però se si cercava un match d'apertura che alzasse subito l'attenzione da parte del pubblico, ci sono riusciti.
Anch'io, vedendo questo match, ho sperato che fosse l'inizio di una serie di match divertenti. Ha svolto bene la sua funzione.
Voto: 7

ETHAN CARTER III BATTE RYOTA HAMA
E facciamo subito un passo indietro. Sinceramente, avrei preferito una vittoria decisamente più prestigiosa, e con un avversario decisamente più quotato, per celebrare l'anno di imbattibilità di EC3.
Se l'obiettivo era quello di fare del comedy, ci sono riusciti solo in certi frangenti. Per quanto EC3 faccia di tutto per attirare attenzioni e odio da parte del pubblico, il match è stato decisamente sotto tono, rallentando il ritmo dell'opener.
Probabilmente, l'obiettivo era quello di dare un avversario "grosso" a EC3, ed inserire nel suo "palmares" anche un big man. Come a dire: ha battuto Sting, Angle, Ray eccetera, ma non ha mai affrontato un uomo grosso.
Un po' poco, onestamente.
Voto: 5

MVP BATTE KAZMA SAKAMOTO
Pietà. Ho chiesto pietà per gran parte del match. Mi chiedo come mai abbiano voluto sprecare MVP per un avversario del genere, ed impostare la contesa sul fatto che l'heel, codardo, non volesse lottare.
Davvero questo hanno pensato per MVP? Davvero questo è il ritorno in Giappone del lottatore di Miami? Un vero spreco. E il match non è stato niente di che.
Voto: 5

SAMOA JOE BATTE LOW KI E KAZ HAYASHI E CONSERVA IL TITOLO X-DIVISION
Questo è stato molto piacevole, bisogna ammetterlo. Spotfest abbastanza intenso e veloce, con alcuni frangenti di strongstyle (e probabilmente nel roster TNA i più esperti in questo stile di lotta sono proprio Samoa Joe e Low Ki).
Molto bella la particolare esecuzione della Warrior's Way da parte di Low Ki ai danni di Hayashi.
Io avrei gradito l'inserimento di Austin Aries, che forse avrebbe aggiunto qualcosa in più in un match che è stato sì bello, ma che poteva dare ancora qualcosa in più. E, sinceramente, le sfide fra Low Ki e Samoa Joe, buttate sul mero lato agonistico, e senza contenuti più profondi, hanno già dato a noia. Saranno anche belle contese, però non è sufficiente fare in continuazione match, per quanto belli, senza un approfondimento vero e proprio.
Comunque, è oro colato rispetto allo scempio del match per l'X-Division dell'anno scorso.
Voto: 7

JIRO KUROSHIO E YUSUKE KODAMA BATTONO ANDY WU E EL HIJO DEL PANTERA
E' assurdo dirlo, ma il match della serata lo hanno regalato le stelle della Wrestle-1, in un incontro dove la TNA era assente. Anche qui stiamo parlando di un match più orientato sullo spotfest, ma personalmente l'ho trovato più divertente rispetto alle altre due contese X-Division.
Voto: 7.5

TEAM 3D BATTONO TOMMY DREAMER E ABYSS
Va beh, match un po' autocelebrativo, giusto per dare il giusto spot al Team 3D, con i soliti cliché dei match Hardcore, ma niente di speciale, tranne forse giusto gli spot finali sulle puntine.
Non sto dicendo che sia stato brutto, per carità, però mi è sembrata quasi più una passerella per il Team 3D, che non un match che comunicasse qualcosa in più del solito.
Mi hanno emozionato di più le contese Hardcore fra Abyss e Bram ad Impact, dove invece si è visto qualcosa di più.
Voto: 6

HAVOK BATTE VELVET SKY E CONSERVA IL TITOLO KNOCKOUTS
Devo essere sincero: ricordo ben poco di questo match. Il che non è positivo.
Sarà stata la posizione nella card, sarà stata la qualità della contesa, però non ricordo molti momenti salienti di questo scontro titolato.
Innanzitutto ci si chiede come mai sia stata Velvet Sky la sfidante di Havok. Probabilmente per un motivo extra-ring ed extra-storyline: essendo la ragazza di Bully Ray, sarebbe venuta ad ogni modo per vedere la sua introduzione nella Hall of Fame, che avesse combattuto o no. In questo modo, hanno risparmiato il prezzo del biglietto per un'altra Knockouts. Io credo che sia andata così.
Voto: 5

THE GREAT MUTA E TAJIRI BATTONO THE GREAT SANADA E JAMES STORM
Dovrei essere contento del fatto che James Storm finalmente abbia disputato un Main Event di Bound For Glory, ma non in queste condizioni.
Un plauso comunque al Cowboy, che ha fatto tutto DA SOLO la storyline, diciamo, "trainante" di questa edizione.
E' stata l'unica contesa legata alla continuity degli show di Impact, anche se, di fatto, quanto successo a Tokyo non cambia molto la storyline generale.
James Storm si sta comportando davvero divinamente, è scritturato molto bene come personaggio sin dal suo turn heel, con addirittura tinte horror, e lui interpreta benissimo il suo nuovo ruolo.
Io gli darei molto di più. Davvero è più interessante Bobby Lashley, con alle spalle Kenny King e MVP, rispetto a lui?
Se fosse lui il campione del mondo, pur avendo alle spalle due personaggi "muti" come Great Sanada e Manik, sono sicuro che trascinerebbe di più lo show, e poi come avversario avrebbe nientemeno che il suo più grande rivale, Bobby Roode.
Davvero non ci arrivano a comprendere le potenzialità di tale scenario?
Parlando del match, è stato godibile e sufficiente, l'unico con uno storytelling appena profondo.
Muta però non ce la fa più, fa fatica a reggersi in piedi, e spesso è imbarazzante.
Ma poi, capisco voler lasciare l'happy ending... ma doveva davvero essere lui a schienare il suo allievo, quello che tecnicamente andava lanciato?
Finale un po' così così, dal nulla, improvviso, e ha penalizzato molto la resa generale.
Voto: 6.5

Come ho già detto, PPV davvero deludente. Non che le aspettative fossero poi così alte, ma, dato che avevano tutto da guadagnare, ci si aspettava quantomeno del buon wrestling.
C'è stato in parte, ma per gran parte siamo sotto la sufficienza. Ma vogliamo parlare poi del confezionamento generale?
Tra un match e l'altro quanti minuti saranno passati? I minutaggi, innanzitutto, sono stati scandalosi, troppo brevi. Ma poi, in mezzo a tutto ciò, hanno inserito interviste tranquillamente evitabili, promo pre e post match, video davvero troppo lunghi della carriera del Team 3D (per carità, doveva essere la loro serata, quindi era giusto celebrare la loro carriera in TNA... ma dovevano per forza mostrare i minuti finali degli incontri?), più le presentazioni "lunghe" da parte di Jeremy Borash.
Il tutto ha contribuito a peggiorare la qualità dei match (con durate maggiori avrebbero potuto offrire di più... d'altronde... siamo a Bound For Glory!), a far calare il ritmo quando è stato alto, ed a rallentarlo precipitosamente quando basso.
Per dire, tutta l'intensità che ho percepito nel match d'apertura è sprofondato nei minuti successivi, e non si è rialzato con il match di EC3.
E' evidente come neppure la TNA stessa ritenesse importante questo evento. Insomma, un giro a vuoto. Per quest'anno, Bound For Glory "è perso". Vediamo un altr'anno.
Eh cari miei... così però è troppo. Stiamo parlando di Bound For Glory, e la reputazione e la percezione dell'evento sono calati drasticamente. Ormai, praticamente tutti i fans della TNA, me compreso, attendono di più LockDown e Slammiversary, anche perché costruiti meglio, sia prima, sia durante lo show.
Nel 2012 dovettero "sacrificare" il Main Event per via della situazione contrattuale di Jeff Hardy... e va beh. Nel 2013 era una situazione di transito, dopo la dipartita di Hogan ed il riassestamento dovuto al fallimento dell'esperienza On the Road... e va beh. Quest'anno lo scempio cui abbiamo assistito.
Eh, non va bene no.
Essere costretti a ritenere un giro a vuoto il proprio PPV più importante è una cosa che negativa è dire poco.
Alla fine, gli unici a guadagnarci sono stati i wrestler della Wrestle-1 e Muta. Loro hanno ottenuto un pass importante, "ospiti" dell'evento di punta di un'altra compagnia.
Sarò cattivo, la media non sarà la media matematica della somma dei match, ma nel complesso, questo voto ritengo che se lo meritino tutto.
Voto: 4.5

ULTIMI AGGIORNAMENTI

I GRANDI WRESTLER

Emanuele Riccio 24 Agosto 2014 I GRANDI WRESTLER 3112
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Mitsuhiro Momota chiamato Rikidozan nato il 14-11-24 meglio conosciuto come “il padre del puroresu” è un coreano che si trasferì in Giappone per imparare il Sumo nel quale divenne un campione ma...
Full Reviw on best bokmaker - Ladbrokes Ladbrokes full information

.org

COPYRIGHT 2011-2014

Solowrestling.org | Editore e Proprietario: Giorgio Citti | Direttore: Giuseppe Mangeruca

Questo sito utilizza la Creative Commons License

I proprietari delle immagini di questo sito sono i rispettivi creatori e' vietato ogni utilizzo non autorizzato. Questo sito non e' in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica. The names of all WWE programming, talent, images, likenesses and logos are the exclusive property of WWE. I diritti sulle immagini, sui video e sui marchi registrati che appaiono in questo sito sono di proprietà dei leggittimi proprietari, SOLO WRESTLING non avanza alcun diritto su di loro e si rende disponibile all'eventuale rimozione su richiesta di chi ne detiene gli effettivi diritti.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

Solowrestling e AITW sono marchi registrati appartenenti a GC WEB ARTS se ne proibisce ogni utilizzo

 

created by

Licenza Creative Commons

 

 

 

{loadposition codice}

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Powered by Warp Theme Framework
Downlaod Premium Themes